Logo per esteso di Nuova Narrativa Italiana

5_M_18_RGG_LAPN_090715_R

Il manoscritto è stato rifiutato.

PARAMETRO DI VALUTAZIONE
VALORE
1
BIOGRAFIA, FOLIAZIONE, SINOSSI, GENERE E PRIME 30 PAGINE
5, G
2
TEMPO NARRATIVO, PUNTO DI VISTA E STILE
3
VEROSIMIGLIANZA E ACCURATEZZA
4
DIALOGHI
5
PROTAGONISTI
6
STORIA, TRAMA, SOTTOTRAME E TEMI
7
PATHOS E CLIMAX
8
COERENZA NARRATIVA
9
ADERENZA ALLA LINEA EDITORIALE DI NNI
10
PUBBLICABILITA’
 
VALUTAZIONE COMPLESSIVA FINALE
5 su 100

Motivazione

Questo manoscritto non è un romanzo né una raccolta di racconti, e non può essere valutato e pubblicato da Nuova Narrativa Italiana secondo i canoni della narrativa, perché non racconta alcuna particolare storia.

Si tratta invece di una riflessione a tutto tondo sul significato dell’esistenza, in forma di lettera e di preghiera indirizzata da un laico al Dio biblico, ebraico e cristiano, del Vecchio e Nuovo Testamento.

L’autore ha il pregio di mettere per iscritto in modo originale, con disincanto e un pizzico di ironia, attraverso una perorazione sviluppata in prima persona, alcune delle domande fondamentali che da sempre angosciano e caratterizzano l’avventura umana, dal mistero della morte e della vita oltre la morte al sentimento di rivolta verso l’ingiustizia, le catastrofi naturali, la fatica e il dolore di tutti i giorni.

Si tratta dunque di un testo di sicuro interesse e di notevole valore morale, ma dal carattere di mera riflessione intimista.

Consigliamo all’autore di sottoporre l’opera in valutazione a case editrici di dichiarata ispirazione cristiana e cattolica, orientate più alla saggistica che alla narrativa, dove potrebbe trovare accoglienza.

Torna all’elenco in valutazione.