Logo per esteso di Nuova Narrativa Italiana

5_M_51_FR_LIF_040616_R

Il manoscritto è stato rifiutato.

PARAMETRO DI VALUTAZIONE
VALORE
1
BIOGRAFIA, FOLIAZIONE, SINOSSI, GENERE E PRIME 30 PAGINE
5, L
2
TEMPO NARRATIVO, PUNTO DI VISTA E STILE
3
VEROSIMIGLIANZA E ACCURATEZZA
4
DIALOGHI
5
PROTAGONISTI
6
STORIA, TRAMA, SOTTOTRAME E TEMI
7
PATHOS E CLIMAX
8
COERENZA NARRATIVA
9
ADERENZA ALLA LINEA EDITORIALE DI NNI
10
PUBBLICABILITA’
 
VALUTAZIONE COMPLESSIVA FINALE
5 su 100

MOTIVAZIONE

Diciamo chiaramente all’autore di questo manoscritto che un romanzo non è un saggio e neppure un trattato di giurisprudenza, e che anche nel modo in cui è scritto questa differenza si deve sentire.

Certo, è giusto e auspicabile che ciascuno abbia un proprio stile, il più possibile personale, ma non si possono continuamente complicare frasi e periodi ricorrendo a termini desueti o comunque inconsueti nei romanzi moderni, per gonfiare artificiosamente concetti che si possono esprimere molto più semplicemente, perché altrimenti il lettore si sfibra e si incavola.

E nelle prime trenta pagine di questo romanzo, ma non ne dubitiamo anche nel seguito, è tutto un fiorire di questi termini: misconosce, panegirico, palesando, proditoriamente, comportamentale, prerogative, invereconda, vetuste, aneliti, auspicando, alterco, acredine, sciorina, improvvido, traversie, natio, parsimoniosamente, circuirla, ginepraio, pregni, dismisura, corroborarla, supinamente, ardori, spasmodicamente, arsura, panacea, dolo, tarlo, empatica, simbiosi, comminati, ebetismo, ignavia, verdastro, sovente, vestiario, rammentando, arguisce, vagheggia, protervia, figuro, conscio, ammollava, storture, frangente, prosopopea, abbarbicato, coercizioni, atteggiarsi, svernare, coacervo, babele, nomea, sbalestrato, di primo acchito, vestibolo…

Allo stesso modo, nei romanzi non si devono complicare frasi comuni e dirette con costruzioni retoriche e pretenziose, altrimenti si rischia il ridicolo.

In conclusione, che possiamo dire a questo autore? Che deve sforzarsi di scrivere in italiano corrente, altrimenti potrà inventare e raccontare anche la storia più bella, ma i lettori, come abbiamo fatto noi, ne abbandoneranno la lettura dopo poche pagine.

Torna all’elenco in valutazione.