Logo per esteso di Nuova Narrativa Italiana

5_N_25_LLN_OLB_011215_R

Il manoscritto è stato rifiutato.

PARAMETRO DI VALUTAZIONE
VALORE
1
BIOGRAFIA, FOLIAZIONE, SINOSSI, GENERE E PRIME 30 PAGINE
5, G
2
TEMPO NARRATIVO, PUNTO DI VISTA E STILE
3
VEROSIMIGLIANZA E ACCURATEZZA
4
DIALOGHI
5
PROTAGONISTI
6
STORIA, TRAMA, SOTTOTRAME E TEMI
7
PATHOS E CLIMAX
8
COERENZA NARRATIVA
9
ADERENZA ALLA LINEA EDITORIALE DI NNI
10
PUBBLICABILITA’
 
VALUTAZIONE COMPLESSIVA FINALE
5 su 100

MOTIVAZIONE

Abbiamo già letto questa storia sei mesi fa (scheda di valutazione 5_M_1_LLN_TBNDM_010615_R), e consigliato ai tempi all’autrice di sottoporla a editori di saggistica piuttosto che di narrativa, perché si trattava di una mera e minuziosa cronaca di vita familiare, non di un’opera di narrativa.

L’autrice ce l’ha ora riproposta in forma romanzata, ma il nostro parere non è cambiato, anche se ci siamo stavolta limitati alla lettura delle sole prime trenta pagine.

Basta infatti leggere poche pagine per ritrovare in questa nuova stesura gli stessi vizi della precedente, e in particolare il non comprendere che un romanzo – per lo meno un romanzo moderno – NON è una cronaca dettagliata della vita, ma, al contrario, una selezione di storie, situazioni, personaggi, inventati o reali, che elimini le parti e le descrizioni noiose, comuni, scontate, pedanti, stucchevoli, moralistiche o saccenti, per interessare il lettore con originalità, trasportarlo in un’altra dimensione e coinvolgerlo emotivamente.

Per raccontare e analizzare invece la vita di tutti i giorni in base alle proprie esperienze o ai propri saperi e convincimenti scientifici, religiosi, filosofici, storici o moralistici che siano, ci sono i saggi.

Certo, nelle opere dei secoli scorsi questa separazione tra romanzi e saggi era meno netta, ma con l’avvento della modernità (e della sua complessità) trovare in un testo che ha ambizioni di narrativa ancora situazioni, descrizioni, affermazioni, frasi e parole da libro cuore fa sorridere.

Torna all’elenco in valutazione.