Logo per esteso di Nuova Narrativa Italiana

73_M_52_SS_M_110616_R

La raccolta di racconti è stata rifiutata.

PARAMETRO DI VALUTAZIONE
VALORE
1
BIOGRAFIA, FOLIAZIONE, SINOSSI, GENERE E PRIME 30 PAGINE
7
2
TEMPO NARRATIVO, PUNTO DI VISTA E STILE
9
3
VEROSIMIGLIANZA E ACCURATEZZA
7
4
DIALOGHI
8
5
PROTAGONISTI
8
6
STORIA, TRAMA, SOTTOTRAME E TEMI
7
7
PATHOS E CLIMAX
7
8
COERENZA NARRATIVA
7
9
ADERENZA ALLA LINEA EDITORIALE DI NNI
7
10
PUBBLICABILITA’
6
 
VALUTAZIONE COMPLESSIVA FINALE
73 su 100

MOTIVAZIONE

Questa raccolta di racconti, che si ispira ad alcuni miti greci trasportati ai giorni nostri, ci è sembrata poco più di un esercizio di stile, dove per altro l’autrice, che sa scrivere bene, si perde a volte in qualche passaggio a vuoto e in qualche pretenziosità di troppo in termini di stesura e cultura.

L’insieme dei dieci racconti che abbiamo esaminato (tolti alcuni già pubblicati dall’autrice) svilupperebbe a malapena 80 pagine nei formati di NNI, ma il vero problema è la disomogeneità del materiale, nonostante il tema generale che lo lega, riconducibile all’amore e ai rapporti affettivi un po’ in tutte le forme.

Si va da racconti appena abbozzati o con sviluppi e finali approssimativi o oscuri (CODDMLF, LFDE, P), che andrebbero meglio precisati, a veri e propri “scherzi” sul tema (TCDE, APA, SDNE), sicché alla fine i racconti validi, coerenti e compiuti sono appena quattro (ABT, AEMSM, BDNAM e PPE). (Gli acronimi in maiuscolo identificano i titoli dei singoli racconti).

Nel complesso si ricava l’impressione di un’autrice di sicuro talento, ma limitata più che ispirata nello sviluppo delle storie dal tema adottato, che ci piacerebbe invece vedere alla prova di un romanzo senza vincoli né artifici di sorta.

Torna all’elenco in valutazione.