Logo per esteso di Nuova Narrativa Italiana

Selezione

Valutazione e scelta dei manoscritti

Attenta e severa selezione dei manoscritti e degli autoriPoco tempo dopo l’invio del manoscritto, se effettuato nel rispetto delle regole dettate da NNI (vedi la pagina Manoscritti), l’autore riceve dalla casa editrice una email di avvenuta ricezione, con un codice di identificazione univoca del manoscritto che consente all’autore di seguirne passo passo l’iter di lettura e valutazione interno alla casa editrice direttamente dal sito web di NNI.

Così ad esempio l’autore Mario Rossi, che ha inviato in valutazione il 13 giugno 2015 il manoscritto Il mio romanzo, per la collana di NNI Fuoriditesta, riceve il seguente codice alfanumerico d’identificazione:

F_54_MR_IMR_130615_L

dove i campi hanno il seguente significato:

  • Primo Campo: “M”, “F”, “N” o “A”. Collana di NNI per la quale il manoscritto è stato proposto. “F”, cioè Fuoriditesta, nell’esempio
  • Secondo Campo: Numero progressivo di arrivo a NNI del manoscritto. “54” nell’esempio, ovvero quello di Mario Rossi è il cinquantaquattresimo manoscritto proposto a NNI e accettato in valutazione
  • Terzo Campo: Iniziali di nome e cognome dell’autore. “MR” nell’esempio
  • Quarto Campo: Iniziali delle parole (articoli e preposizioni compresi) che compongono il titolo del manoscritto sottoposto. “IMR” nell’esempio, che sta per Il mio romanzo
  • Quinto Campo: Data di arrivo a NNI del manoscritto nel formato ggmmaa. “130615”, nell’esempio
  • Sesto Campo: Stato di valutazione del manoscritto. Può assumere i valori:
    “L” = La sinossi e le prime 30 pagine del manoscritto sono state passate in lettura;
    “V” = Il manoscritto ha superato positivamente la fase precedente di prima lettura ed entra nella fase di valutazione vera e propria;
    “R” = Il manoscritto non ha superato positivamente la fase di valutazione ed è stato rifiutato;
    “P” = Il manoscritto ha superato positivamente la fase di valutazione.
  • Valutazione Finale: È un numero intero di valore compreso tra 0 e 100, che compare davanti al codice del manoscritto solo a valutazione ultimata (valori “R” o “P” del sesto campo), e corrisponde alla valutazione complessiva finale in centesimi del manoscritto da parte di NNI. L’editore considera interessanti e valide per la pubblicazione solo le opere che ottengono una valutazione complessiva finale superiore a 85 su 100.

 
Come detto, l’autore può seguire direttamente on line l’intero processo di lettura, valutazione, rifiuto o selezione del suo manoscritto da parte di NNI, grazie al suo codice d’identificazione. Cliccando sulla pagina In valutazione del sito di NNI, è infatti possibile accedere in tempo reale all’intero elenco dei manoscritti in valutazione o già valutati da NNI.

In base ai risultati del processo di valutazione, Nuova Narrativa Italiana seleziona ogni anno, a suo insindacabile giudizio un massimo di quattro/cinque opere tra le più meritevoli per ciascuna collana, che verranno pubblicate nel corso dello stesso anno o dell’anno successivo. A queste, potranno aggiungersi ulteriori opere meritevoli di pubblicazione provenienti da altre fonti a discrezione dell’editore, per un massimo di 20 nuove opere pubblicate all’anno.

Trasparenza assoluta

Ma c’è di più. Perché ciò che contraddistingue NNI rispetto ad altre case editrici non è solo l’esasperata ricerca della qualità narrativa a garanzia dei propri lettori, ma la volontà di contribuire nel proprio piccolo a migliorare la consapevolezza e la capacità di scrivere degli autori italiani.

Detestiamo le lettere di rifiuto, tanto più se standard e menzognere, rifilate per decenni ad autori spesso più che meritevoli. Riteniamo invece utile e giusto fornire i dettagli delle nostre valutazioni, per quanto soggettive, definitive e inappellabili.

Così, cliccando sulla pagina In valutazione del sito di NNI e su ciascun codice di identificazione dei manoscritti che hanno già ricevuto una valutazione complessiva finale, è possibile per l’autore conoscere nel dettaglio i motivi di tale valutazione. Non solo. È pure possibile per chiunque farsi un’idea di come precede la valutazione di tutte le opere da parte di NNI, dal momento che dati sensibili e privacy sono protetti dal codice associato a ogni manoscritto, che nasconde il titolo dell’opera e il nome dell’autore. Cliccando sui codici è infatti possibile aprire on line la tabella di valutazione del relativo manoscritto, che ha l’aspetto seguente:

PARAMETRO DI VALUTAZIONE
VALORE
1
BIOGRAFIA, FOLIAZIONE, SINOSSI, GENERE E PRIME 30 PAGINE
(0-10 + B, F, S, G, L, I)
2
TEMPO NARRATIVO, PUNTO DI VISTA E STILE
(0-10)
3
VEROSIMIGLIANZA E ACCURATEZZA
(0-10)
4
DIALOGHI
(0-10)
5
PROTAGONISTI
(0-10)
6
STORIA, TRAMA, SOTTOTRAME E TEMI
(0-10)
7
PATHOS E CLIMAX
(0-10)
8
COERENZA NARRATIVA
(0-10)
9
ADERENZA ALLA LINEA EDITORIALE DI NNI
(0-10)
10
PUBBLICABILITA’
(0-10)
 
VALUTAZIONE COMPLESSIVA FINALE
(0-100)

 

La valutazione del manoscritto procede dall’alto in basso, seguendo l’ordine dei dieci parametri elencati nella tabella, e attribuendo via via a ciascun parametro un valore intero da 0 a 10. Se in qualsiasi fase della valutazione uno dei parametri è valutato insufficiente (valore inferiore a 6), la valutazione è immediatamente sospesa, il manoscritto è respinto, e il valore di valutazione complessiva finale è dato dalla somma dei valori dei parametri già valutati, assumendo pari a 0 il valore dei parametri non ancora valutati. Il manoscritto è comunque rifiutato se la valutazione complessiva finale non supera gli 85 punti sui 100 massimi possibili.

Spieghiamo qui di seguito nel dettaglio il significato di ciascun parametro di valutazione.

1 – Biografia, foliazione, sinossi, genere e prime 30 pagine. Il valutatore si fa una prima idea dell’autore e del manoscritto, leggendo la biografia dell’autore, la sinossi e le prime 30 pagine del manoscritto. Poi attribuisce un valore da 0 a 10. Se il valore è inferiore a 6 (insufficiente) il testo è respinto, e nel campo valore ne viene anche indicato con una o più lettere il motivo. Un manoscritto può essere respinto in questa fase per le seguenti ragioni:

  • “B” (Biografia): L’autore non è italiano, o per qualche altro motivo non è pubblicabile da NNI
  • “F” (Foliazione): Il testo completo del manoscritto supera le 800.000 battute (caratteri del testo, spazi compresi), cioè le 400 cartelle da 2.000 battute (60 caratteri per 34 righe circa). Secondo NNI qualsiasi storia può essere raccontata entro le 400 cartelle. Oltre si annoia solo il lettore
  • “S” (Sinossi): Già leggendo la sinossi, i contenuti del manoscritto non interessano a NNI
  • “G” (Genere): Il genere del manoscritto è confuso o non aderente alla linea editoriale di NNI
  • “L” (Lingua): Il manoscritto è approssimativo e pieno di refusi, o addirittura l’autore non sa scrivere in italiano corretto
  • “I” (Inconsistenza): La storia raccontata nelle prime 30 pagine del manoscritto è incomprensibile, insignificante o incoerente.

 

2 – Tempo narrativo, punto di vista e stile. A partire da questo parametro comincia la valutazione vera e propria del manoscritto e si passa alla lettura delle restanti pagine. Il tempo narrativo, il punto di vista e lo stile caratterizzano fin da subito un manoscritto e il suo autore, perché sono la “voce” che il lettore sente dentro di sé mentre legge. Una storia può essere raccontata al passato o al presente, in prima o in terza persona, da un narratore onnisciente e non coinvolto o da più protagonisti più o meno coinvolti; il tempo narrativo e il punto di vista possono perfino cambiare durante la storia: l’importante è che consentano di narrare al meglio la storia. Quanto allo stile, è giusto che ciascuno abbia il suo, ma secondo NNI vale l’ammonimento dei Vangeli: “In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio”. Quasi tutto il resto, secondo noi, è farina del Diavolo!

3 – Verosimiglianza e accuratezza. Le ambientazioni, le ricostruzioni storiche, le descrizioni tecniche o scientifiche nel manoscritto devono essere verosimili e accurate. L’ortografia dei nomi, italiani o stranieri che siano, deve essere precisa. In generale, la mancanza di accuratezza dell’autore nella stesura del manoscritto, sia nell’uso della lingua che nei contenuti, può richiedere una pesante e lunga riscrittura del testo in fase di editing, ed essere motivo di rifiuto da parte di NNI anche di un’ottima storia.

4 – Dialoghi. I dialoghi devono essere usati con parsimonia, sia nei racconti che nei romanzi, in sintonia col crescere della storia e solo nei momenti più significativi, quando c’è davvero qualcosa d’importante da dire. I dialoghi non devono essere scontati, svenevoli, stucchevoli, volgari o stupidi.

5 – Protagonisti. I personaggi della storia raccontata devono essere ben delineati dal punto di vista fisico e psichico, almeno per una loro caratteristica peculiare. Il loro comportamento deve essere verosimile e coerente con il progredire della storia. Il protagonista della storia (o i protagonisti, se sono più d’uno) deve evolvere con la storia, perché se la storia è vera e importante lo coinvolge e lo trasforma.

6 – Storia, trama, sottotrame e temi. È valutata in particolare l’originalità e la bellezza della storia raccontata, e la sua ricchezza in termini di trama, sottotrame e temi trattati. E. M. Forster sosteneva che ogni romanzo è in realtà riconducibile a due sole storie, che corrispondono a due sole trame: “Qualcuno parte per un viaggio” e “Uno straniero arriva in città”. Nei romanzi migliori sono spesso riscontrabili entrambe le trame. Il viaggio può essere un’avventura effettiva o puramente interiore; lo straniero può essere un personaggio in carne e ossa, o una qualsiasi causa che alteri il corso della normale routine. L’importante, sempre e comunque, è raccontare una storia interessante. Il fatto poi che l’opera tratti anche di temi rilevanti e attuali è un ulteriore valore aggiunto alla storia.

7 – Pathos e climax. Alfred Hitchcock ha detto che il cinema è la vita senza le parti noiose: vale anche per i romanzi e per le raccolte di racconti. Dal suo inizio alla fine, la storia raccontata nel manoscritto deve crescere in fatti e in pathos fino al suo culmine (in gergo “climax”), il punto in cui tutti i nodi vengono al pettine e la tensione esplode. Nel corso di questa crescita, è bene disseminare qualche tappa intermedia, qualche picco di eventi ed emozioni che tenga ben desto l’interesse del lettore. In ogni caso, non devono esserci capitoli inutili: ogni capitolo deve far progredire la storia verso il suo giusto epilogo.

8 – Coerenza narrativa. Un romanzo (ma vale anche per le raccolte di racconti) è un patto col lettore, la promessa che l’autore gli racconterà una storia che lo interesserà ed emozionerà, guidandolo con mano forte da un prologo (A) a un epilogo (B) coerente con il prologo. Ogni volta che la storia devia dalla retta via A-B, e la mano dell’autore vacilla, il lettore si stanca. Se poi l’epilogo è incongruente con le attese indotte nel lettore all’inizio della storia, il patto è addirittura tradito, e la valutazione del manoscritto da parte di NNI sarà certamente negativa.

9 – Aderenza alla linea editoriale di NNI. Il valutatore, giunto al termine della lettura del manoscritto, ne valuta l’aderenza alla linea editoriale della casa editrice, e l’idoneità a essere pubblicato nella collana di NNI per la quale l’autore l’ha proposto.

10 – Pubblicabilità. Il valutatore esprime con l’ultimo voto una propria opinione generale sul manoscritto, tenendo conto del suo giudizio personale, del profilo dei lettori di NNI, della storia e dei temi trattati, del catalogo della casa editrice, e dell’effettiva originalità e pubblicabilità del manoscritto.

Oltre alla valutazione in forma parametrica di cui sopra, il valutatore è infine tenuto a fornire una motivazione scritta delle principali ragioni che hanno determinato la valutazione attribuita al manoscritto.

È tutto, cari autori italiani. Ci auguriamo di non avervi troppo annoiati, ma se al contrario volete approfondire la materia, vi invitiamo a consultare alla pagina Letture in libertà del sito il nostro breve saggio Scrivere per pubblicare – Come si scrivere un romanzo.

Ora però tocca a voi. Fateci sognare! Ci aspettiamo manoscritti all’altezza dei nostri sforzi e delle aspettative dei nostri lettori.