Logo per esteso di Nuova Narrativa Italiana

Intervista con l’autore di Cercando lei

Incontriamo Paolo Negui

Foto dell

Il prossimo 26 novembre è in pubblicazione per Nuova Narrativa Italiana nella collana Nonsolorosa il romanzo Cercando lei, di Paolo Negui, e a beneficio di tutti gli amici che ci seguono con tanto interesse abbiamo intervistato l’autore. Ecco cosa ci ha detto.

NNI – Paolo, buongiorno e ben trovato! A soli 35 anni e da esordiente hai superato brillantemente le selezioni di NNI. Che effetto ti fa tutto questo?
PAOLO – Sono davvero sorpreso e lusingato che il mio primo romanzo sia stato selezionato da un editore serio ed esigente come NNI. Proprio non me l’aspettavo!

NNI – Presentati a chi ci legge. Chi è Paolo Negui, e perché ha scritto Cercando lei?
PAOLO – Nella vita sono un avvocato, curioso e appassionato da sempre del genere umano. Mi piace entrare in contatto con le persone, di qualsiasi nazionalità e cultura esse siano. Cercando lei è la sintesi di tutto questo: il desiderio di raccontare una storia originale, ma ispirata anche da alcune esperienze da me realmente vissute, o vissute da persone che conosco, che mi hanno particolarmente colpito. In definitiva è stato fondere insieme immaginazione, creatività e un pizzico di realtà.

NNI – Di cosa parla Cercando lei, Paolo? Che storia racconta?
PAOLO – È la storia di un grande e genuino amore tra un ragazzo e una ragazza di nazionalità diverse, che si sviluppa su più anni e che viene però costantemente ostacolato dagli eventi. Nonostante ciò, i due non si perdono d’animo, e lottano oltre ogni immaginazione per realizzare e vivere il loro sogno.

NNI – Quindi una bellissima storia d’amore, di quelle intense e contrastate, che durano una vita intera! Ma una storia d’amore con caratteristiche davvero particolari. La prima, quella che balza subito agli occhi, è la narrazione in flashback: la storia è raccontata non mentre si svolge, ma attraverso i ricordi che assalgono Marco, il protagonista maschile, ormai ottantaduenne, durante il rituale pranzo della domenica con la famiglia delle due figlie. Come mai questa scelta del racconto in flashback, Paolo?
PAOLO – Per due ragioni principali. Innanzitutto, distribuire la storia su due tempi e su due “mondi”, il passato e il presente di Marco, ne ha reso più agevole e agile la definizione e l’intreccio. In secondo luogo, ho voluto sottolineare differenze e similitudini di due età della vita, gioventù e vecchiaia, in apparenza molto diverse, ma che in realtà hanno tanto in comune. Le emozioni che nel romanzo vive Marco da vecchio non sono affatto inferiori per intensità e contenuti di quelle che Marco vive da giovane. Anzi: filtrate dal tempo e dalle esperienze successive di Marco, si rivelano ancora più coinvolgenti. La morale, se vogliamo trovarne una, è che non si smette mai di cercare l’amore, a qualsiasi età, perché l’amore è un sentimento fondamentale per l’animo umano.

NNI – Una seconda particolare caratteristica di Cercando lei è che sappiamo fin da subito quasi tutto di Marco, ma poco o nulla della misteriosa protagonista femminile, davanti al cui fascino fin dal primo incontro lui perde la testa. Poi, un po’ alla volta, la conosceremo, ma curiosamente nel romanzo è indicata solo come “lei”, senza un suo nome proprio. Come mai, Paolo?
PAOLO – Nel romanzo cito un famoso mito riportato da Platone, contenuto in una delle sue opere, il Simposio, secondo cui uomini e donne sarebbero l’esito della scissione in due metà operata da Zeus per punire esseri androgini, perfetti e autosufficienti, che non onoravano più gli dei dell’Olimpo. Da allora ciascuno di noi vagherebbe alla ricerca della sua metà perduta, la sua “lei” e il suo “lui”, senza la quale la felicità è impossibile. È una storiella, ma con un fondo importante di verità, e chi ha provato un amore vero e corrisposto sa cosa vuol dire. Quando un uomo incontra la sua “lei”, come Marco, i nomi quasi non servono. Lei è Lei: punto e basta.

NNI – Infine, un’altra caratteristica del romanzo è la lontananza. Domenico Modugno cantava che la lontananza è come il vento: spegne i fuochi piccoli, ma accende quelli grandi. E in Cercando lei proprio la forzata lontananza tra Marco, italiano, e la sua lei, romena, genera un vero e proprio incendio di passione. Cosa ci dici in proposito, Paolo?
PAOLO – Che il maestro aveva pienamente ragione! La lontananza di una persona davvero amata ci mette alla prova, ci obbliga a porci domande importanti. Quella persona ci manca; non si tratta di una semplice assenza. E con più l’amiamo, con più ci mancherà, con più ci sentiremo mutilati e incompleti, e il desiderio di lei non farà che crescere in noi come un incendio. Tra Marco e la sua lei c’è inizialmente una grande lontananza, che pare irriducibile, e questo accenderà il fuoco nelle loro anime. Chiamate un Canadair!

NNI – Legato al tema della lontananza, in Cercando lei c’è il tema del viaggio. Sia lei che lui, ma soprattutto lui alla rincorsa di lei, infilano un treno via l’altro attraverso l’Europa, e pure negli anni Sessanta, quando l’alta velocità era un sogno. Qui, Paolo, traspare chiaramente la tua esperienza personale come “cittadino del mondo”. Cosa significa per te viaggiare?
PAOLO – Per me viaggiare è conoscere, e dunque in assoluto una delle cose più fondamentali della vita, come dimostrano alcune mie esperienze di lavoro e non solo. È forse la caratteristica che più ci distingue come uomini dal regno animale: la curiosità, la “disperata” necessità di conoscere l’ignoto, di sapere cosa c’è altrove, di spingerci sempre oltre i nostri limiti. E il viaggio è per me l’essenza stessa di tutto questo.

NNI – Veniamo a un altro tema importante. In Cercando lei c’è un forte rapporto di amicizia che lega Marco nei suoi anni giovanili a tre studentesse: Cristina, Francesca e Kasha. Come vedi l’amicizia disinteressata tra uomini e donne, Paolo? È davvero un rapporto possibile? Ti è capitato personalmente?
PAOLO – È senz’altro possibile, ma riconosco che non sia semplice. Quando l’intesa con una persona dell’altro sesso è così forte, è quasi inevitabile che possa evolvere in qualcosa di più. Io ho la fortuna di avere alcune amiche con cui ho un bellissimo e profondo rapporto di amicizia e confidenza, che mi consente di vedere spesso il mondo secondo un punto di vista completamente diverso e complementare al mio. Ho cercato di trasfondere parte di questa personale esperienza nei personaggi femminili del romanzo.

NNI – Infine, in Cercando lei, c’è anche il tema del rapporto tra un padre abbandonato dalla moglie per un altro e le due figlie piccole che si trova a crescere da solo, che è la parte più commovente del romanzo. Il padre, che è sempre Marco, nonostante il tradimento subito fa di tutto per mantenere immacolato il ricordo della mamma agli occhi delle figlie. Come vedi la famiglia nel Terzo Millennio, Paolo?
PAOLO – La famiglia “tradizionale” è in grande crisi, se non addirittura in via di estinzione. Si è cominciato dagli anziani, un tempo molto rispettati e riveriti, e oggi invece spesso parcheggiati in squallidi centri. Ora è il turno della coppia, che al primo problema molla tutto senza preoccuparsi delle conseguenze, soprattutto negli eventuali figli. Bisogna riconoscere, però, che un tempo il collante familiare era dato anche dalla necessità di fare squadra per affrontare una vita difficile e fatta di pochissime cose, oltre che dal modello patriarcale. Ad ogni modo non sono pessimista: siamo solo in una fase di transizione, e vedremo quale sarà la nuova “famiglia” del futuro, con tutti i suoi pro e contro. Esattamente come ve ne erano in quella tradizionale.

NNI – Siamo in chiusura, Paolo, e facciamo un po’ di promozione. Oltre a quanto abbiamo già detto, perché un lettore dovrebbe leggere Cercando lei? Perché è un romanzo da non perdere?
PAOLO – Perché, come avete scritto nella vostra scheda di valutazione, parla del tema più importante della vita degli esseri umani: la continua ricerca dell’amore e della felicità, e il tormento di quando non si riesce a goderne. E poi chi leggerà il libro avrà una gradita sorpresa, un colpo di scena finale davvero inatteso e spiazzante!

NNI – Ottimo! Ora abbiamo proprio finito. A quando il prossimo romanzo, Paolo? Ci stai già lavorando?
PAOLO – Devo ancora riprendermi dalla grande sorpresa di questa pubblicazione, ma ho già in cantiere una nuova storia da raccontare, qualcosa a cui pensavo da anni, e che racconta di esperienze altrettanto straordinarie. Ma vediamo prima come va questo romanzo!

Cercando lei sarà acquistabile a partire dal 26 novembre 2017 esclusivamente sul sito di NNI, tramite download diretto per entrambi i formati ePub e PDF, nella sezione Libreria del sito.

 

NNI
Nuova Narrativa Italiana (NNI) è una casa editrice indipendente, con sede a Milano, che pubblica romanzi e racconti di qualità di autori italiani in formato elettronico (ebook).

Rispondi / Commenta